Mineu

mineulogIl progetto europeo Mineu è stato selezionato dalla Commissione Europea all’interno del bando di proposte CULTURA 2000. Il recupero, il mantenimento e la diffusione del patrimonio legato alle miniere rappresentano gli obiettivi principali di questo progetto per garantire la contemplazione e lo sfruttamento di questi beni culturali ad opera dei posteri.

PARTECIPANTI
Il Comune de La Unión (Murcia – Spagna) è il promotore del progetto, contando sulla partecipazione di altri quattro soci co-organizzatori: Centro di Ricerca per lo Sviluppo (Spagna), RDA Senec Pezinok (Slovacchia), Bre Archimede Salerno Onlus (Italia) e Deutsches Bergbau-Museum (Germania).

OBIETTIVI: promuovere e diffondere la conoscenza di un’espressione culturale non molto conosciuta e valorizzata per i cittadini in generale: il patrimonio industriale minerario.
Lo scopo è vincolare sempre più gente a questo tipo di patrimonio.

La creazione di questa rete offrirà la possibilità di scambiarsi esperienze e di intraprendere azioni volte a incrementare l’importanza ed il valore delle aree minerarie in disuso.
Questo tipo di azione sarà di buon esempio ed aiuterà le aree coinvolte ad accrescere la consapevolezza della importanza di preservare tale tipo di legame culturale.
ATTIVITÁ
La durata del progetto è di un anno, con scadenza in settembre 2006.
Si porteranno a termine i seguenti interventi:

creazione di una Rete Transnazionale per la diffusione della cultura tradizionale mineraria all’interno della Comunità Europea;
due Seminari transnazionali per l’interscambio di esperienze e procedure ottimali in materia del patrimonio industriale minerario;
creazione di una pagina web del progetto, che garantisca l’ampia e rapida diffusione dello stesso;
realizzazione di un DVD del patrimonio minerario di ciascuno dei paesi soci;
seminario Creativo per la rivalutazione di una zona miniera pilota nel paese promotore, al quale partecipano diversi professionisti europei apportando la propria esperienza;
realizzazione di un Seminario Operativo, nel quale, sulla base del Rapporto prodotto in quello creativo, si valuteranno una serie di proposte tecnico-fisiche per garantire la conservazione ed il futuro utilizzo della zona pilota.

Condividi:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

 
Questo articolo è stato letto 394 volte